#44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Ripercorriamo insieme la musica dei Fab4

Moderatori: MrTwoOfUs, agrasso, Cristiano, John Paul

#44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda MrTwoOfUs » martedì 13/11/2012 18:28:47

Mi sostituisco, just for once, al Mc assente e, sollecitato da qualcuno, posto lo Step by Step di Novembre.
Commenti all'ascolto, al riascolto, impressioni, voti, curiosità, link interessanti, quello che vi pare.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda segretario_90 » mercoledì 14/11/2012 18:14:45

Dunque dicevamo, Paul. Gli Wings hanno spiccato il volo con lo sgangherato, rustico, Wild Life, hanno proseguito con Red Rose Speedway, dove in pratica fai tutto tu (non a caso è accreditato a Paul McCsrtney & Wings), poi sono venuti gli sfavillii di Band On The Run e Venus And Mars, più Wings Over America. Ora viene London Town, album nebbioso, intimistico, appartato, senza brani clamorosamente rock, decisamente acustico e meditativo. E tutto sommato, ci piace (sempre copyright Danyssima). Nonostante i tuoi difetti congeniti, le concessioni al banale, allo stucchevole, al kitsch, ci piace (ancora copyright Danyssima). Poi vorrei essere più preciso, ma l'album sotto mano non ce l'ho, non escludo però un riascolto e, forse, qualche ulteriore notazione.
Sarò lì quando i tuoi sogni saranno spezzati;
per rispondere alle tue preghiere silenziose.
Quando le piccole cose che fai
non riescono bene,
non ti preoccupare, io sarò lì
Avatar utente
segretario_90
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2612
Iscritto il: giovedì 12/07/2007 10:58:50
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda Devil » mercoledì 14/11/2012 23:50:14

In Don't Let It Bring You Down ha una voce da paura.
Everybody else is busy doing better than me.
Avatar utente
Devil
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 4010
Iscritto il: venerdì 11/09/2009 17:10:09
Beatle preferito: Paul

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda MrTwoOfUs » giovedì 15/11/2012 11:47:43

PENSIERI SU LONDON TOWN - 1
Dettagli tecnici su London Town, che in verità andrebbero letti sul più attendibile Recording Sessions di Luca Perasi.
Questo è quello che avevo scritto io nel 1998 per il libro mai uscito:
"Nei primi mesi dell’anno, i Wings avevano iniziato a lavorare a Londra sul materiale per un nuovo album. Ma a maggio, stanco del clima inglese freddo e piovoso, Paul pensò bene di rispettare la tradizione di cercare posti esotici per le registrazioni. Ma questa volta si superò: fu allestito uno studio a bordo dello yacht “Fair Carol”, nel quale, ancorato a largo delle Isole Vergini nei Caraibi, Paul si concentrò sulle canzoni.
Furono noleggiate altre tre lussuose imbarcazioni a fare da case gallegianti per i componenti del gruppo e le famiglie: quella di Paul si chiamava “El Toro”, le altre due “Samala” e “Wanderlust”. Quest’ultima gli avrebbe ispirato una canzone che nel 1982 avrebbe trovato posto su Tug Of War, mentre un altro brano nato dal nome di uno degli yacht dal titolo "El Toro Passing" non venne mai pubblicato.
Dopo la fuoriuscita di McCulloch ed English alla vigilia delle registrazioni del nuovo album, si ricreò la stessa situazione verificatasi con Band On The Run nel 1973. Così Paul dovette di nuovo suonare basso, chitarra, batteria e tastiere, a cui aggiunse anche flauto, violini e percussioni varie.
Ad ogni modo, sia McCulloch che Joe English parteciparono alla prima fase delle registrazioni, quelle a bordo della “Fair Carol”.
Poi il gruppo si trasferì a Londra, ad Abbey Road prima e negli AIR Studios di George Martin poi, per completare le registrazioni.
Al largo dei Caraibi vennero incisi nove brani, due dei quali rimasero però inediti, Boil Crisis di Paul e Find The Way di Denny Laine. In questa fase, l’album avrebbe dovuto chiamarsi Wings On Water (Ali sull’acqua). Poi si pensò a Water Wings. Infine, nell’indecisione, Paul pensò bene di chiamarlo semplicemente London Town.
La critica si divise: per alcuni si trattava del miglior album dei Wings, per altri del più fiacco. Certo è che dopo il clamoroso successo di Mull Of Kintyre e dopo i fasti dei quattro album precedenti, molti si aspettavano di più, quando il disco fu pubblicato nel febbraio del 1978. Una domanda su tutte aleggiava nell'aria: perchè non inserire la collaudata Mull of Kyntire (e magari il suo lato B Girls' School) che avrebbe notevolmente innalzato il valore dell'album? Misteri...".
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda MrTwoOfUs » giovedì 15/11/2012 12:08:42

PENSIERI SU LONDON TOWN - 2
Sempre dal mio libro inedito del 1998 (doveva chiamarsi Around the Beatles), ove si parlava di Jimmy McCulloch; aneddoti e retroscena:
Fonti: “Blackbird: the life and times of Paul McCartney”, la biografia non autorizzata di Geoffrey Giuliano (1991)
Beatles Solo di Bob Woffinden (1981)
Rock and Roll Babylon di Gary Hermann (1982)
Nel libro di Giuliano c’è una prefazione di Denny Laine, cosa che fa supporre che quanto scritto sia vero.


“…Jimmy McCulloch dovette essere allontanato da Paul. Da tempo, infatti, McCartney non sopportava più i guai che provocava il chitarrista a causa della sua dipendenza da droga e alcol. Tra le altre cose, la parte americana del Tour dei Wings era stata posposta, in quanto McCulloch si era procurato una frattura alla mano in circostanze poco chiare. In un’altra occasione, durante il concerto al Garden di Boston, Jimmy, ubriaco fradicio, si rifiutò improvvisamente di tornare sul palco per il secondo bis. Ci fu un clamoroso litigio nel backstage, e pare che lo stesso Paul dovette afferrarlo per il bavero, atterrarlo e addirittura prenderlo a pugni costringendolo a tornare in scena. Era raramente sobrio, ed in un’altra occasione, durante una cena con Frank Zappa, crollò sul tavolo e poi a terra, svenuto. Più avanti dovettero anche tirarlo fuori di prigione, dopo un arresto per guida in stato di ubriachezza.
In seguito, Paul cercò di parlare con calma al piccolo chitarrista, nel tentativo di dissuaderlo dal comportarsi in quel modo, ma la goccia che fece traboccare il vaso si ebbe quando, dopo la nascita del terzo figlio di Paul e Linda, James, il gruppo si stabilì in un cottage annesso alla fattoria dei McCartney. Una sera Jimmy ed alcuni roadies, completamente fatti, sfasciarono tutto, ‘ridecorando’ le pareti con le uova fresche delle galline della fattoria.
Quando Paul vide il disastro combinato e le stanze sfasciate, si decise a chiedergli di andar via. L’ineffabile Jimmy, per tutta risposta, con calma aprì la custodia della sua chitarra e ne estrasse una pistola che teneva nascosta all’insaputa di tutti. Poi uscì dal cottage e rimase seduto per tutta la serata fuori del bungalow, bevendo whisky e lucidando l’arma con aria minacciosa, meditando vendetta. Poi, dopo le undici, bevve un ultimo sorso di whisky, ruppe la bottiglia vuota sul muro e mise la pistola in tasca dirigendosi verso l’abitazione di Paul. Ma, rintronato com’era, inciampò e svegliò i numerosi cani da guardia della fattoria.
Non si perse d’animo: silenziosamente si avvicinò alla finestra semiaperta della stanza da letto dove dormivano Paul e Linda e puntò l’arma sul volto di quello che ormai vedeva come suo ‘oppressore’. Fortunatamente, all’ultimo istante fu preso dal panico e corse via verso un vicino canale. Lì si infilò la pistola in bocca, pensando che la serata non poteva concludersi senza spargimento di sangue. Da quell’intento fu distolto solo dall’arrivo dell’auto di Denny Laine e sua moglie Jo-Jo, ai quali, in seguito, raccontò la storia.
Jimmy abbandonò i Wings, si disse, per unirsi agli Small Faces, da poco riformatisi. Ma quando anche questo progetto svanì nel nulla, McCulloch annunciò nel 1979 di voler costituire un proprio gruppo battezzato Dukes. Pochissimo tempo dopo fu trovato morto, in circostanze misteriose, in un appartamento di Londra. Aveva solo ventisei anni”.
Fonti: “Blackbird: the life and times of Paul McCartney”, la biografia non autorizzata di Geoffrey Giuliano (1991)
Beatles Solo di Bob Woffinden
Rock and Roll Babylon di Gary Hermann (1982)
Nel libro di Giuliano c’è una prefazione di Denny Laine, cosa che fa supporre che quanto scritto sia vero.
Ultima modifica di MrTwoOfUs il giovedì 15/11/2012 12:36:43, modificato 1 volta in totale.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda MrTwoOfUs » giovedì 15/11/2012 12:35:16

PENSIERI SU LONDON TOWN -3
Nel suo insieme l’album mi piace. La copertina, anche se un po’ scontata, è bella. La produzione funziona.
Mi piacciono: London Town – Cafe on the left bank – Backwards Traveller – Famous Groupies – Morse Moose and Grey Goose
Non mi dispiacciono: With a little luck – I’m Carrying
Potrei farne a meno: Girlfriend, I’ve Had Enough - Name And Address - Don’t Let It Bring You Down - Children Children - Deliver Your Children
London Town, ritratto di Londra con tinte pastello, è l’ideale quando vai a Londra (assieme a Play with fire degli Stones). Clima uggioso della metropoli e la pioggia inglese “Una pioggia d’argento cadeva sullo sporco selciato di Londra…”.
Da Londra a Parigi (ma che c’entra Parigi in un disco su Londra?): Cafè On The Left Bank è ispirata alla riva sinistra della Senna, il quartiere degli artisti. Molto carina.
Backwards Traveller è forse la mia preferita, ma è troppo corta e sulle cassette la mettevo almeno tre volte una dietro l’altra (come facevo con Single Pigeon, Lazing on a Sunday afternoon dei Queen e Till the Morning Comes di Neil Young).
Famous Groupies la amo e basta: una delle canzoni a personaggi più ironiche e divertenti di Paul. “il suonatore di bongo col materasso Dunlopillo nel furgone; le gruopies con i loro snoopy gemelli, il chitarrista nella Foresta di Epping a cui piaceva ‘suonare’ quando stava con le ragazze, il roadie chiamato Rory che praticava il voodoo… e nessuno sa ciò che sanno le famose groupies!”.
Per finire, detesto il falsetto di Girlfriend, mentre Don’t let it bring you down per me è il capolavoro omonimo scritto da Neil Young, di gran lunga superiore.
Mettici Mull of Kyntire e Girls’ School al posto di Children Children e Girlfriend e vedrai…
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda segretario_90 » giovedì 15/11/2012 18:51:20

Tre Olivoni nel giro di quarantacinque minuti? Ma sei asciuto pazzo? A stento riesco a leggerne uno.
Sarò lì quando i tuoi sogni saranno spezzati;
per rispondere alle tue preghiere silenziose.
Quando le piccole cose che fai
non riescono bene,
non ti preoccupare, io sarò lì
Avatar utente
segretario_90
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2612
Iscritto il: giovedì 12/07/2007 10:58:50
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda MrTwoOfUs » giovedì 15/11/2012 18:55:52

segretario_90 ha scritto:Tre Olivoni nel giro di quarantacinque minuti? Ma sei asciuto pazzo? A stento riesco a leggerne uno.

L'ho fatto apposta per te Seg, leggili con calma, piano piano. Il secondo è interessante.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda rubbersoul » giovedì 15/11/2012 19:46:07

MrTwoOfUs ha scritto:Nel suo insieme l’album mi piace. La copertina, anche se un po’ scontata, è bella. La produzione funziona.
Mi piacciono: London Town – Cafe on the left bank – Backwards Traveller – Famous Groupies – Morse Moose and Grey Goose
Non mi dispiacciono: With a little luck – I’m Carrying
Potrei farne a meno: Girlfriend, I’ve Had Enough - Name And Address - Don’t Let It Bring You Down - Children Children - Deliver Your Children
London Town, ritratto di Londra con tinte pastello, è l’ideale quando vai a Londra (assieme a Play with fire degli Stones). Clima uggioso della metropoli e la pioggia inglese “Una pioggia d’argento cadeva sullo sporco selciato di Londra…”.
Da Londra a Parigi (ma che c’entra Parigi in un disco su Londra?): Cafè On The Left Bank è ispirata alla riva sinistra della Senna, il quartiere degli artisti. Molto carina.
Backwards Traveller è forse la mia preferita, ma è troppo corta e sulle cassette la mettevo almeno tre volte una dietro l’altra (come facevo con Single Pigeon, Lazing on a Sunday afternoon dei Queen e Till the Morning Comes di Neil Young).
Famous Groupies la amo e basta: una delle canzoni a personaggi più ironiche e divertenti di Paul. “il suonatore di bongo col materasso Dunlopillo nel furgone; le gruopies con i loro snoopy gemelli, il chitarrista nella Foresta di Epping a cui piaceva ‘suonare’ quando stava con le ragazze, il roadie chiamato Rory che praticava il voodoo… e nessuno sa ciò che sanno le famose groupies!”.
Per finire, detesto il falsetto di Girlfriend, mentre Don’t let it bring you down per me è il capolavoro omonimo scritto da Neil Young, di gran lunga superiore.
Mettici Mull of Kyntire e Girls’ School al posto di Children Children e Girlfriend e vedrai…

Condivido in buona parte quello che dici, con alcune eccezioni.

L'album piace molto anche a me, pur con i soliti riempitivi di Paul di cui si sarebbe volentieri potuto fare a meno.
Mi riferisco a I’ve Had Enough, Name And Address, Cuff Link e Girlfriend. Quest'ultima non l'ho mai digerita ed il fatto che si adatti bene allo stile di Michael Jackson non fa che rendermela maggiormente antipatica.

Children Children, Deliver Your Children e Don’t Let It Bring You Down, in ordine crescente di gradimento, invece le apprezzo molto e partecipano a conferire all'album quel sapore folk che lo rende così interessante e singolare nella discografia di Macca.
Don’t Let It Bring You Down, in particolare, è probabilmente la canzone dell'album che preferisco, con una prova vocale di Paul molto intensa. Certo, hai ragione a dire che l'omonimo brano di Neil Young è ben altra cosa, ma ciò non toglie che la canzone di Paul sia comunque valida.

E' davvero inspiegabile l'esclusione del classico Mull Of Kyntire e della frizzante Girls' School, che ho sempre gradito alquanto. La loro successiva presenza come bonus tracks ha parzialmente fatto giustizia di questa colpevole defaillance.
"Come avete trovato l'America?"
"A sinistra della Groenlandia"
Avatar utente
rubbersoul
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2529
Iscritto il: domenica 04/12/2011 01:14:49
Località: Catania
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda Dr.Ebasta » venerdì 16/11/2012 20:56:21

Girlfriend è uno dei migliori pezzi mai scritti da Paul McCartney EVAH.
La sua versione peraltro è notevolmente migliore rispetto a quella di MJ, soprattutto grazie ad arrangiamento e inedita sezione mediana.
Deliver Your Children è uno dei pezzi migliori del disco, e sono contento che sia tutta farina del sacco di Laine.
Lord Kiss Me Once More, Fill Me With Songs

I wanna get down on my knees and start pleasing Jesus! I wanna feel his salvation all over my face!
Avatar utente
Dr.Ebasta
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 5332
Iscritto il: giovedì 25/11/2004 20:42:27
Località: Ascension Island

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda Mod XXII » venerdì 16/11/2012 21:04:30

Gilfriend è figa.

(sì, è voluto)
“Voi pensate di scappare, in realtà vi state precipitando verso il vostro destino.”
Segui Fab4Fans anche su Twitter!
Avatar utente
Mod XXII
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9170
Iscritto il: giovedì 06/02/2003 16:29:25
Località: marmalade skies
Beatle preferito: John

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda rubbersoul » sabato 17/11/2012 01:03:33

Mah, Girlfriend non rappresenta il Paul che più mi piace...
"Come avete trovato l'America?"
"A sinistra della Groenlandia"
Avatar utente
rubbersoul
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2529
Iscritto il: domenica 04/12/2011 01:14:49
Località: Catania
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda segretario_90 » venerdì 23/11/2012 17:29:10

Se scrivessi quello che davvero penso su Girlfriend, violerei la norma 25 bis comma ter del Regolamento "Sono vietate le bestemmie alle principali religioni monoteiste praticate sulla Terra". Fortunatamente esistono quelle politeiste, e quindi: Giove in carriola, ma quanto porco Ramses fa schifo 'sta canzone, Apollo della cetra immacolata?

MrTwoOfUs ha scritto:
segretario_90 ha scritto:Tre Olivoni nel giro di quarantacinque minuti? Ma sei asciuto pazzo? A stento riesco a leggerne uno.

L'ho fatto apposta per te Seg, leggili con calma, piano piano. Il secondo è interessante.

Ti credo in parola, ma ho cominciato a leggere il primo, e mi sono fermato alla terza riga.
Sarò lì quando i tuoi sogni saranno spezzati;
per rispondere alle tue preghiere silenziose.
Quando le piccole cose che fai
non riescono bene,
non ti preoccupare, io sarò lì
Avatar utente
segretario_90
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2612
Iscritto il: giovedì 12/07/2007 10:58:50
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #44 NOV 2012 / London Town-Paul McCartney

Messaggioda backseat » domenica 25/11/2012 21:58:31

MrTwoOfUs ha scritto:PENSIERI SU LONDON TOWN - 2
Sempre dal mio libro inedito del 1998 (doveva chiamarsi Around the Beatles), ove si parlava di Jimmy McCulloch; aneddoti e retroscena:
Fonti: “Blackbird: the life and times of Paul McCartney”, la biografia non autorizzata di Geoffrey Giuliano (1991)
Beatles Solo di Bob Woffinden (1981)
Rock and Roll Babylon di Gary Hermann (1982)
Nel libro di Giuliano c’è una prefazione di Denny Laine, cosa che fa supporre che quanto scritto sia vero.


“…Jimmy McCulloch dovette essere allontanato da Paul. Da tempo, infatti, McCartney non sopportava più i guai che provocava il chitarrista a causa della sua dipendenza da droga e alcol. Tra le altre cose, la parte americana del Tour dei Wings era stata posposta, in quanto McCulloch si era procurato una frattura alla mano in circostanze poco chiare. In un’altra occasione, durante il concerto al Garden di Boston, Jimmy, ubriaco fradicio, si rifiutò improvvisamente di tornare sul palco per il secondo bis. Ci fu un clamoroso litigio nel backstage, e pare che lo stesso Paul dovette afferrarlo per il bavero, atterrarlo e addirittura prenderlo a pugni costringendolo a tornare in scena. Era raramente sobrio, ed in un’altra occasione, durante una cena con Frank Zappa, crollò sul tavolo e poi a terra, svenuto. Più avanti dovettero anche tirarlo fuori di prigione, dopo un arresto per guida in stato di ubriachezza.
In seguito, Paul cercò di parlare con calma al piccolo chitarrista, nel tentativo di dissuaderlo dal comportarsi in quel modo, ma la goccia che fece traboccare il vaso si ebbe quando, dopo la nascita del terzo figlio di Paul e Linda, James, il gruppo si stabilì in un cottage annesso alla fattoria dei McCartney. Una sera Jimmy ed alcuni roadies, completamente fatti, sfasciarono tutto, ‘ridecorando’ le pareti con le uova fresche delle galline della fattoria.
Quando Paul vide il disastro combinato e le stanze sfasciate, si decise a chiedergli di andar via. L’ineffabile Jimmy, per tutta risposta, con calma aprì la custodia della sua chitarra e ne estrasse una pistola che teneva nascosta all’insaputa di tutti. Poi uscì dal cottage e rimase seduto per tutta la serata fuori del bungalow, bevendo whisky e lucidando l’arma con aria minacciosa, meditando vendetta. Poi, dopo le undici, bevve un ultimo sorso di whisky, ruppe la bottiglia vuota sul muro e mise la pistola in tasca dirigendosi verso l’abitazione di Paul. Ma, rintronato com’era, inciampò e svegliò i numerosi cani da guardia della fattoria.
Non si perse d’animo: silenziosamente si avvicinò alla finestra semiaperta della stanza da letto dove dormivano Paul e Linda e puntò l’arma sul volto di quello che ormai vedeva come suo ‘oppressore’. Fortunatamente, all’ultimo istante fu preso dal panico e corse via verso un vicino canale. Lì si infilò la pistola in bocca, pensando che la serata non poteva concludersi senza spargimento di sangue. Da quell’intento fu distolto solo dall’arrivo dell’auto di Denny Laine e sua moglie Jo-Jo, ai quali, in seguito, raccontò la storia.
Jimmy abbandonò i Wings, si disse, per unirsi agli Small Faces, da poco riformatisi. Ma quando anche questo progetto svanì nel nulla, McCulloch annunciò nel 1979 di voler costituire un proprio gruppo battezzato Dukes. Pochissimo tempo dopo fu trovato morto, in circostanze misteriose, in un appartamento di Londra. Aveva solo ventisei anni”.
Fonti: “Blackbird: the life and times of Paul McCartney”, la biografia non autorizzata di Geoffrey Giuliano (1991)
Beatles Solo di Bob Woffinden
Rock and Roll Babylon di Gary Hermann (1982)
Nel libro di Giuliano c’è una prefazione di Denny Laine, cosa che fa supporre che quanto scritto sia vero.


La dipartita di McCulloch si ebbe nei giorni immediatamente precedenti l'incisione di MULL OF KINTYRE. Andò anche lui in Scozia, poi successe tutto quello che è raccontato sopra, credo in maniera abbastanza attendibile... Peccato, era un grande chitarrista.
backseat
Fab4Master
Fab4Master
 
Messaggi: 757
Iscritto il: domenica 04/12/2011 23:41:53


Torna a The Beatles...Step by Step

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron