#02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Ripercorriamo insieme la musica dei Fab4

Moderatori: MrTwoOfUs, agrasso, Cristiano, John Paul

#02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Mod XXII » sabato 08/01/2011 11:51:20

Commenti all'ascolto, al riascolto, impressioni, voti, curiosità, link interessanti, quello che vi pare.
“Voi pensate di scappare, in realtà vi state precipitando verso il vostro destino.”
Segui Fab4Fans anche su Twitter!
Avatar utente
Mod XXII
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9170
Iscritto il: giovedì 06/02/2003 16:29:25
Località: marmalade skies
Beatle preferito: John

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda segretario_90 » martedì 11/01/2011 17:00:55

Anche questo disco non lo ascoltavo da un sacco di tempo, e alcune cose me le ero scordate in verità, per esempio il borbottio in That Would Be Something, o il fatto che, con un paio di eccezioni, nessun brano supera i due minuti e mezzo di durata. Tra le cose che non ho dimenticato sicuramente Maybe I'm Amazed, stupenda e sottovalutata (sicuramente perché non è stata un singolo nel 1970), mentre una piacevole riscoperta è stata Every Night. E persino Kreen-Akrore, che ho sempre trovato irritante, questa volta non mi è dispiaciuta.
Sarò lì quando i tuoi sogni saranno spezzati;
per rispondere alle tue preghiere silenziose.
Quando le piccole cose che fai
non riescono bene,
non ti preoccupare, io sarò lì
Avatar utente
segretario_90
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2612
Iscritto il: giovedì 12/07/2007 10:58:50
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Devil » martedì 11/01/2011 22:19:04

Sarei curioso di leggere la mini-intervista contenuta nella prima stampa del disco.
Qualcuno sa dove trovare una scansione o anche una trascrizione?
Everybody else is busy doing better than me.
Avatar utente
Devil
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 4010
Iscritto il: venerdì 11/09/2009 17:10:09
Beatle preferito: Paul

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda franco » martedì 11/01/2011 23:00:53

Devil ha scritto:Sarei curioso di leggere la mini-intervista contenuta nella prima stampa del disco.
Qualcuno sa dove trovare una scansione o anche una trascrizione?

L'ho letta un sacco di volte e sinceramente non mi ricordo in quali libri, ma di sicuro c'è in molte pubblicazioni.
E' una auto intervista, le domande se l'è fatte lui.

Q: "Why did you decide to make a solo album?"
PAUL: "Because I got a Studer four-track recording machine at home - practiced on it (playing all instruments) - liked the results, and decided to make it into an album."

Q: "Were you influenced by John's adventures with the Plastic Ono Band, and Ringo's solo LP?"

PAUL: "Sort of, but not really."

Q: "Are all songs by Paul McCartney alone?"

PAUL: "Yes sir."

Q: "Will they be so credited: McCartney?"

PAUL: "It's a bit daft for them to be Lennon/McCartney credited, so 'McCartney' it is."

Q: "Did you enjoy working as a solo?"

PAUL: "Very much. I only had me to ask for a decision, and I agreed with me. Remember Linda's on it too, so it's really a double act."

Q: "What is Linda's contribution?"

PAUL: "Strictly speaking she harmonizes, but of course it's more than that because she's a shoulder to lean on, a second opinion, and a photographer of renown. More than all this, she believes in me - constantly."

Q: "Where was the album recorded?"

PAUL: "At home, at EMI (no. 2 studio) and at Morgan Studios (WILLESDEN!)"

Q: "What is your home equipment (in some detail)?"

PAUL: "Studer four-track machine. I only had, however, one mike, and as Mr. Pender, Mr. Sweatenham and others only managed to take 6 months or so (slight delay) I worked without VU meters or a mixer, which meant that everything had to be listened to first (for distortion etc...) then recorded. So the answer - Studer, one mike, and nerve."

Q: "Why did you choose to work in the studios you chose?"

PAUL: "They were available. EMI is technically very good and Morgan is cozy."

Q: "The album was not known about until it was nearly completed. Was this deliberate?"

PAUL: "Yes, because normally an album is old before it even comes out. (A side) Witness 'Get Back.'"

Q: "Why?"

PAUL: "I've always wanted to buy a Beatles album like people do and be as surprised as they must be. So this was the next best thing. Linda and I are the only two who will be sick of it by the release date. We love it really."

Q: "Are you able to describe the texture or the feel of the album in a few words?"

PAUL: "Home, family, love."

Q: "How long did it take to complete?"

PAUL: "From just before (I think) Xmas, until now. 'The Lovely Linda' was the first thing I recorded at home, and was originally to test the equipment. That was around Xmas."

Q: "Assuming all the songs are new to the public, how new are they to you? Are they recent"

PAUL: "One was from 1959 (Hot As Sun). Two are from India - 'Junk' and 'Teddy Boy,' and the rest are pretty recent. 'Valentine Day,' 'Momma Miss America' and 'Oo You' were ad-libbed on the spot."

Q: "Which instruments have you played on the album?"

PAUL: "Bass, drums, acoustic guitar, lead guitar, piano and organ-mellotron, toy xylophone, bow and arrow."

Q: "Have you played all these instruments on earlier recordings?"

PAUL: "Yes, drums being the one that I normally wouldn't do."

Q: "Why did you do all the instruments yourself?"

PAUL: "I think I'm pretty good."

Q: "Will Linda be heard on all future records?"

PAUL: "Could be. We love singing together and have plenty of opportunity for practice."

Q: "Will Paul and Linda become a John and Yoko?"

PAUL: "No, they will become Paul and Linda."

Q: "What has recording alone taught you?"

PAUL: "That to make your own decisions about what you do is easy, and playing with yourself is very difficult, but satisfying."

Q: "Who has done the artwork?"

PAUL: "Linda has taken all the photos, and she and I designed the package."

Q: "Is it true that neither Allen Klein nor ABKCO have been nor will be in any way involved with the production, manufacturing, distribution or promotion of this new album?"

PAUL: "Not if I can help it."

Q: "Did you miss the other Beatles and George Martin? Was there a moment when you thought, 'I wish Ringo were here for this break?'"

PAUL: "No."

Q: "Assuming this is a very big hit album, will you do another?"

PAUL: "Even if it isn't, I will continue to do what I want, when I want to."

Q: "Are you planning a new album or single with the Beatles?"

PAUL: "No."

Q: "Is this album a rest away from the Beatles or the start of a solo career?"

PAUL: "Time will tell. Being a solo album means it's 'the start of a solo career...' and not being done with the Beatles means it's just a rest. So it's both."

Q: "Is your break with the Beatles temporary or permanent, due to personal differences or musical ones?"

PAUL: "Personal differences, business differences, musical differences, but most of all because I have a better time with my family. Temporary or permanent? I don't really know."

Q: "Do you foresee a time when Lennon-McCartney becomes an active songwriting partnership again?"

PAUL: "No."

Q: "What do you feel about John's peace effort? The Plastic Ono Band? Giving back the MBE? Yoko's influence? Yoko?"

PAUL: "I love John, and respect what he does - it doesn't really give me any pleasure."

Q: "Were any of the songs on the album originally written with the Beatles in mind?"

PAUL: "The older ones were. 'Junk' was intended for 'Abbey Road,' but something happened. 'Teddy Boy' was for 'Get Back,' but something happened."

Q: "Were you pleased with 'Abbey Road'? Was it musically restricting?"

PAUL: "It was a good album. (number one for a long time.)"

Q: "What is your relationship with Klein?"

PAUL: "It isn't. I am not in contact with him, and he does not represent me in ANY way."

Q: "What is your relationship with Apple?"

PAUL: "It is the office of a company which I part own with the other three Beatles. I don't go there because I don't like offices or business, especially when I am on holiday."

Q: "Have you any plans to set up an independent production company?"

PAUL: "McCartney Productions."

Q: "What sort of music has influenced you on this album?"

PAUL: "Light and loose."

Q: "Are you writing more prolifically now? Or less so?"

PAUL: "About the same. I have a queue waiting to be recorded."

Q: "What are your plans now? A holiday? A musical? A movie? Retirement?"

PAUL: "My only plan is to grow up!"
Avatar utente
franco
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2702
Iscritto il: sabato 12/09/2009 20:08:10
Località: Venezia
Beatle preferito: Paul

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Desmond Jones » venerdì 14/01/2011 01:17:14

E' la dimostrazione che Paul McCartney è un somaro.

Il disco, che esce il 17 aprile, precede l'ultimo album dei Beatles, che esce l'8 maggio.
(Al di là del fatto che non ho mai capito se le scelte dei pezzi da inserire in un album li facesse la casa discografica o i cantanti) mentre Harrison e Lennon danno un misero contributo al disco postumo dei Beatles, tenendosi i pezzi migliori per l'esordio da solisti, il calcolatore McCartney a sorpresa fa il contrario.
Per cui Let It Be, Get Back, The Long And Winding Road, Two Of Us e I've Got a Feeling finiscono ad impreziosire l'ultima fatica del quartetto, e qualche scarto finisce sul primo disco solista.
Con tutta la prima scelta mccartiana dell'anno di grazia 1970, forte di una voce divina, McCartney sarebbe divenuto una pietra miliare.

Cosa abbia mosso la mente di Paul in quel periodo non è dato sapere, certo doveva essere parecchio confuso, insicuro, poco lucido per anticipare l'uscita di un album incompleto.
Ciò nonostante il disco mantiene comunque una certa magia, sarà la voce, sarà l'atmosfera, sarà l'arrangiamento.

The Lovely Linda: solo un piccolo abbozzo di canzone.
That Would Be Something: abbastanza noiosa e ripetitiva.
Valentine Day:vedi sopra.
Every Night: la prima canzone del disco arriva dopo ben tre false partenze, è comunque di buon livello.
Hot As Sun/Glasses: la parte strumentale è divertente, anche perchè dura poco, mentre il finale di Suicide è una deliziosa ciliegina anche se troppo breve.
Junk: sempre adorata, malinconica, un classico.
Man We Was Lonely: riscoperta solo recentemente, arrangiamento perfetto, voce deliziosa pur senza virtuosismo. E ci stanno bene pure i mini coretti di Linda. Penalizzata dal ritornello un pò troppo scanzonato.
Oo You: dignitosa ma nulla di più, forse addirittura anonima.
Momma Miss America: la scelta di farla solo come pezzo strumentale lascia un pò di rammarico anche se ha un arrangiamento curiosamente accattivante.
Teddy Boy: un tempo era una delle mie preferite, oggi mi chiedo il perchè dato che già alla prima strofa pare aver esaurito tutto l'interesse.
Singalong Junk: è bene che sia uscita anche la versione strumentale perchè è splendida. Forse penalizzata dal fatto di avere una gemella e dal fatto che anche una fusione delle due non avrebbe giovato a nessuna.
Maybe I'm Amazed : un classico, uno dei pezzi migliori dell'intero repertorio.
Kreen-Akrore: non credo di essere stato in grado di ascoltarla per intero per più di due volte. Senza voto.

In conclusione il disco ha come punti di forza una certa originalità, una voce al meglio e una discreta omogeneità dell'album (pur essendo composta da pezzi buttati lì tanto per riempire) che risulta abbastanza caloroso.
Per un disco di McCartney però è pochino.
Avatar utente
Desmond Jones
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 3529
Iscritto il: lunedì 12/05/2003 22:28:03

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda franco » venerdì 14/01/2011 07:11:57

Ma Let It Be, Get Back, The Long And Winding Road, Two Of Us e I've Got a Feeling le aveva scritte nel 69/69, caso mai dovresti chiederti come mai non ha messo da parte le sue canzoni presenti in Abbey Road.
Avatar utente
franco
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 2702
Iscritto il: sabato 12/09/2009 20:08:10
Località: Venezia
Beatle preferito: Paul

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Desmond Jones » venerdì 14/01/2011 09:20:35

Ormai Abbey Road era già uscito e non so se all'epoca della sua registrazione Paul avesse già in mente di fare un album solista e quindi tenersi qualche tesoro da parte.
Nelle registrazioni di Let It Be comparivano anche pezzi come All Things Must Pass, che non sono state utilizzati.

Forse non avrebbe potuto inserire Teddy Boy in Let It Be al posto di The Long And Winding Road o forse non ci pensò, sta di fatto che la sua produzione rende giustizia all'ultimo album del gruppo pop più famoso del mondo a discapito del suo primo album da solista.

E (forse) era talmente abituato a sfornare capolavori uno dietro l'altro che per lui una Let It Be valeva una canzone qualunque.

La parte davanti della medaglia è che le sue canzoni finite su Let It Be hanno sicuramente avuto un eco maggiore avendo avuto l'onore di finire su un disco dei Beatles.
Avatar utente
Desmond Jones
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 3529
Iscritto il: lunedì 12/05/2003 22:28:03

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Devil » venerdì 14/01/2011 12:21:59

Paul ha sempre amato i Beatles e voleva il meglio per loro. Per questo semplice motivo ha inserito i suoi pezzi più riusciti in Let It Be ed Abbey Road. Harrison, invece, che ormai se ne fregava della band (o almeno questa è la mia impressione) ha preferito puntare in alto con il suo primo album da solista.

E comunque secondo me i pezzi in questione sono perfetti dove sono, solo Junk l'avrei vista benissimo in un White Album.
Everybody else is busy doing better than me.
Avatar utente
Devil
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 4010
Iscritto il: venerdì 11/09/2009 17:10:09
Beatle preferito: Paul

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Cristiano » venerdì 14/01/2011 22:02:37

Devil ha scritto:Paul ha sempre amato i Beatles e voleva il meglio per loro. Per questo semplice motivo ha inserito i suoi pezzi più riusciti in Let It Be ed Abbey Road. Harrison, invece, che ormai se ne fregava della band (o almeno questa è la mia impressione) ha preferito puntare in alto con il suo primo album da solista.


Credo sia stata questa la motivazione principale per l'inclusione di tutti quei pezzi di Paul su Let it Be.

Si è battuto come un leone fino all'ultimo per salvare il gruppo, e si è arreso solo quando, il 20 settembre del '69, alla famosa riunione di Savile Row John gli ha riso in faccia mentre tentava di convincerli a tornare a suonare dal vivo.

Ora della realizzazione del primo LP da solo, era sconvolto emotivamente ed artisticamente e ha in pratica raschiato il fondo del barile, con un paio di eccezioni che conosciamo tutti bene ed un terzo brano, Junk, che se fosse uscito su Abbey Road a quest'ora milioni di persone acclamerebbero come un classico.

Harrison.. un altro paio di maniche ancora. Più che puntare in alto col primo album da solo, ha DOVUTO realizzare in solitudine tutti quei brani per forza di cose: gran parte di essi erano stati scartati dal gruppo, compresa quella grande canzone che è All Things Must Pass.
Il caso ha voluto che si trattasse, per la maggior parte, di brani di primissimo ordine.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda HarryBudiniFan » venerdì 14/01/2011 22:10:42

non può aver raschiato il fondo del barile, se ha lasciato fuori another day, back seat of my car, my love e altre - che praticamente erano già scritte.

del resto nella stessa auto-intervista allegata all'album dichiara di avere una queue (fila) di canzoni che aspettano di essere registrate.
HarryBudiniFan
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 8286
Iscritto il: giovedì 01/01/2009 02:05:18

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Cristiano » venerdì 14/01/2011 22:17:16

Fatto sta che per l'album ha tirato fuori Kreen Akrore, The Lovely Linda e Hot as Sun, quest'ultima una primizia risalente nientemeno che al 1959.
Lo ripeto: era sconvolto quando registrò "McCartney". E se c'è un disco in cui il Paul "calcolatore" proprio non esce allo scoperto, beh è questo.

Aveva tutti contro (gli altri Beatles, Allen Klein, gran parte della stampa mondiale e buona parte dei fans che si erano bevuti la storiella del "Paul ha abbandonato i Beatles! Cattivone!").
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda lucyinthesky63 » domenica 16/01/2011 21:47:07

oltre che sconvolto le cronache dell'epoca ce lo tramandano spesso ubriaco e sotto effetto di stupefacenti; il che può avere contribuito ad alcune scelte (diciamo così) azzardate. Che cosa avesse in mente, noi non lo sappiamo e possiamo solo azzardare delle ipotesi.
Dopo vari ascolti, io mi sono fatta l'idea che questo disco Paul lo abbia fatto più che altro per se stesso, per provarsi e per cercare "qualche cosa di nuovo". Poi una volta compiuto lo ha messo in vendita, con tutti i rischi del caso; ma forse anche rischi calcolati per capire fino a che punto poteva spingersi in questa nuova strada e che cosa "funzionava" e che cosa invece no.
Va da se che il risultato è discontinuo: c'è una manciata di bella canzoni, in alcuni casi (Junk, Maybe I'm amazed, Every Night) decisamente ottime, ci sono troppi pezzi strumentali, e qualche riempitivo di troppo.
E però....e però si ascolta di un fiato che è un piacere e la ripresa strumentale di Junk è favolosa e, nonostante tutto l'album "prende" e viene anche voglia di riascoltarlo.
voto 7
I'm a Blackstar
Gloria
Avatar utente
lucyinthesky63
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 6373
Iscritto il: domenica 30/09/2007 17:46:05
Località: here there and everywhere, in realtà La Spezia
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Cristiano » domenica 16/01/2011 21:59:39

lucyinthesky63 ha scritto:oltre che sconvolto le cronache dell'epoca ce lo tramandano spesso ubriaco e sotto effetto di stupefacenti; il che può avere contribuito ad alcune scelte (diciamo così) azzardate. Che cosa avesse in mente, noi non lo sappiamo e possiamo solo azzardare delle ipotesi.



In anni più recenti (quando cioè le antiche ferite si sono rimarginate) è stato proprio lo stesso Paul ad ammettere pubblicamente di aver avuto gravi problemi nel 1969 e soprattutto nel 1970: la fine traumatica dei Beatles ed il modo in cui la cosa era stata presentata sui media lo avevano talmente scombussolato da provocargli un esaurimento nervoso. Si svegliava di notte tremante ed in un mare di sudore, coi nervi che non stavano più al loro posto.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda Cristiano » domenica 16/01/2011 22:20:11

lucyinthesky63 ha scritto:io mi sono fatta l'idea che questo disco Paul lo abbia fatto più che altro per se stesso, per provarsi e per cercare "qualche cosa di nuovo".


Secondo me lo ha fatto a mo' di terapia personale: scrivere, suonare e cantare un album in completa solitudine lo ha certamente aiutato a leccarsi le ferite e a riacquistare un po' di autostima. Non vedo "McCartney" come una prova di forza, alla "vi faccio vedere io, suono e produco il disco tutto da solo ", piuttosto come il tentativo di ricominciare dopo che era andata in frantumi l'unica cosa su cui si basava la vita professionale ed emotiva di Paul e su cui lui aveva puntato così tanto.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: #02 Gen2011 / McCartney - Paul McCartney

Messaggioda HarryBudiniFan » martedì 18/01/2011 00:02:50

mccartney the first, album solitario, autarchico e autoindulgente - a suo modo anti-beatles quanto plastic ono band, anti-perfezionismo abbeyroadiano, e soffuso di una malinconia affiorante, crepuscolare, bittersweetta e convalescente. l'autore gioca e giochicchia con gli strumenti e le forme, lasciando al capriccio del momento e al piacere del suonare la creazione di silhouette musicali abbozzate, iniziate e lasciate da parte - risultando in album artigianale e informale, privo della retorica e delle regole della forma e del prodotto mercantile, dimesso e disadorno anche nei suoni, molto naturali, semplici, non trattati.
è lo-fi antelitteram. musica da cameretta prima della musica da cameretta. è bello.

the lovely linda
breve abbozzo di ode lindiana, una naturale chitarra acustica su un canale, basso, si percuote un libro come un bongo, si canticchia.
svagata e agreste, si muove accelerando sbadatamente. that would be something (molto apprezzata da georgeharrison) è praticamente una canzone-riff blues-bluegrasseggiante, con percussioni elementari ricavate probabilmente ancora una volta da uno "strumento improprio", mentre sentiamo la batteria immaginata dal beatbox vocale di paul, tutto preso dalla sua fantasia sulla canzone. anche qui senso di naturalezza e naturalità, anche nell'immagine evocata "that would be something/meet you in the pouring rain, mama", che a me suggerisce l'infradiciarsi sotto la pioggia infischiandosene, in linea con l'atteggiamento generale che leggo nell'album. valentine day, impromptu rock-acustico di solismo graffiante e non ortodosso (quando paul suona l'elettrica è sempre percettibile che non è un "chitarrista professionale" - e ciò per quel che mi concerne è in realtà piacevole).
every night la prima vera canzone, su cui sono sempre state spese parole ben spese. hot as sun/glasses strumentale di qualche estate prima, spensierata per sentieri allegri, compare una tastierina, finisce inavvertitamente in un coro di bicchieri. junk è il noto masterpiece malinconico-nostalgico, in cui tutto è un congedare e un salutare, e un venire abbandonato nel passato, scartato.
e poi insomma, svariata altra roba, notoriamente.
HarryBudiniFan
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 8286
Iscritto il: giovedì 01/01/2009 02:05:18

Prossimo

Torna a The Beatles...Step by Step

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron