The long and winding road

Parliamo insieme delle caratteristiche e delle peculiarità dei testi delle canzoni dei Beatles!

Moderatori: MrTwoOfUs, agrasso, Cristiano, John Paul

Re: The long and winding road

Messaggioda Cristiano » martedì 17/06/2014 18:59:44

Enzo, Come Together e Instant Karma! Non sono certo poco (oddio, Mustard, Pam e altra roba..ehm..concedimelo:sono robetta, considerata la caratura dell'artista ;-)), ma è chiaro come il sole che senza Paul non avremmo avuto gli ultimi due album dei Beatles: fu lui a spendersi fino all'estremo per realizzarli, gli altri avevano ormai la testa altrove.
Nella fase finale dei Beatles, persino George surclassava quanto a ispirazione e prolificità il buon Johnny.

La scena di Paul che ritira l'Oscar nel 1971 dalle mani di John Wayne è da antologia, comunque :D
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

The long and winding road

Messaggioda Desmond Jones » martedì 17/06/2014 19:16:17

Non sono d'accordo sulle critiche al signor Paul McCartney.
Il progetto Get Back (Let It Be) era una minchiata, ok, però almeno era un progetto. "Per me" i Beatles dovevano andare avanti (Abbey Road) con un disco suonato magnificamente e non tornare a registrare "live". La malinconia dei tempi che furono portò a quel tentativo.

John era annichilito. Dopo il malloppo di pezzi della colonia Indiana era ripiombato nelle sue dipendenze, la droga e Yoko Ono.
A tal proposito faccio l'anti revisionista: cosa avrebbe detto il Lennon del '63 ad un collega succube e ammogliato in studio? Cosa avrebbe fatto di fronte ai suggerimenti di una che a mala pena avrebbe potuto suonare Fra Martino Campanaro? I colleghi ebbero anche fin troppa pazienza.

George da sempre considerato come una vittima. Già, centinaia e centinaia di suoi meravigliosi pezzi scartati da mediocri album. I pezzi buoni venivano presi in considerazione. Punto.

Paul sapeva di essere un po' dittatore, di suscitare invidie. E meno male. Altrimenti non avremmo avuto un sacco di cose e i Beatles non sarebbero cambiati così tanto.

Quello che differenzia Paul dagli altri è che probabilmente sapeva che il gruppo portava vantaggi a tutti. Vantaggi di cui hanno usufruito sopratutto John, George e Ringo. Sono sempre stato dell'idea che se Paul avesse lasciato lasciato ai Beatles Teddy Boy è si fosse tenuto Let It Be, Two Of Us e The Long And Winding Road per il primo album solista la storia sarebbe cambiata.
Avatar utente
Desmond Jones
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 3529
Iscritto il: lunedì 12/05/2003 22:28:03

Re: The long and winding road

Messaggioda MrTwoOfUs » martedì 17/06/2014 19:32:54

Cristiano ha scritto:La scena di Paul che ritira l'Oscar nel 1971 dalle mani di John Wayne è da antologia, comunque :D

Eccola:
https://www.youtube.com/watch?v=dlsr08A6sns
Linda ha preso l'oscar di John. :laughing6:
Ma perchè è andato Paul, se detestava quel disco?
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9868
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: The long and winding road

Messaggioda Cristiano » martedì 17/06/2014 19:45:57

MrTwoOfUs ha scritto:
Cristiano ha scritto:La scena di Paul che ritira l'Oscar nel 1971 dalle mani di John Wayne è da antologia, comunque 8)

Eccola:
https://www.youtube.com/watch?v=dlsr08A6sns
Linda ha preso l'oscar di John. :laughing6:
Ma perchè è andato Paul, se detestava quel disco?


Non detestava il disco, solo il fatto che Spector ecc ecc...
Immagino fosse l'unico disponibile a ritirare il premio in quel momento ;-)

Momento un po' imbarazzante ma, hell, un Oscar è sempre un Oscar!
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: The long and winding road

Messaggioda Cristiano » martedì 17/06/2014 19:49:23

Desmond Jones ha scritto:
se Paul avesse lasciato lasciato ai Beatles Teddy Boy è si fosse tenuto Let It Be, Two Of Us e The Long And Winding Road per il primo album solista la storia sarebbe cambiata.



Ne sarebbe uscito un album solista maestoso.
Invece lui , tutte le cartucce migliori le ha sparate con e per il gruppo.

John e George hanno agito diversamente.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: The long and winding road

Messaggioda MrTwoOfUs » mercoledì 18/06/2014 19:37:19

Qualcuno pensa che era lui che era più invadente con i suoi pezzi a scapito di quelli degli altri.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9868
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: The long and winding road

Messaggioda Desmond Jones » mercoledì 18/06/2014 19:54:29

Sta di fatto che Lennon e Harrison sono usciti come solisti con album meravigliosi e decisamente "considerati". McCartney è uscito con un album da solista "incompleto" e abbastanza criticato.

Ergo: McCartney senza Beatles valeva zero, gli altri invece potevano sfornare capolavori anche da soli.


Vai tu a spigare ai più che praticamente tutta la carriera del gruppo dopo Rubber Soul è sorretta dal buon Paul.
Avatar utente
Desmond Jones
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 3529
Iscritto il: lunedì 12/05/2003 22:28:03

Re: The long and winding road

Messaggioda Cristiano » mercoledì 18/06/2014 20:58:43

MrTwoOfUs ha scritto:Qualcuno pensa che era lui che era più invadente con i suoi pezzi a scapito di quelli degli altri.


Un'invadenza giustificata dal valore delle composizioni e dal fatto che non faceva altro che supplire al vuoto lasciato da John.
Ci sarebbe da affrontare anche quell'altro discorsetto per cui parecchi pezzi di John, ed alcuni di George, sono quello che sono anche per i contributi e l'arrangiamento di McCartney e/o di Martin/McCartney, Come Together in primis.

Ma non vorrei passare per un denigratore di Lennon , cosa che non mi ritengo affatto di essere.

Sui primi album solisti, sono "figli" della situazione nell'ultimo periodo assieme: John e George hanno creato quei capolavori perchè potevano contare su un catalogo di canzoni scartate, o non sufficientemente provate , coi Beatles.
Paul se n'è uscito con quello scherzo di "McCartney" perchè le cartucce più prestigiose le aveva sparate in precedenza.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: The long and winding road

Messaggioda Desmond Jones » mercoledì 18/06/2014 22:10:57

Tra le canzoni "capolavorizzate" da Paul ci metterei anche Something.
Avatar utente
Desmond Jones
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 3529
Iscritto il: lunedì 12/05/2003 22:28:03

Re: The long and winding road

Messaggioda backseat » mercoledì 18/06/2014 23:00:41

Cristiano ha scritto:
MrTwoOfUs ha scritto:Qualcuno pensa che era lui che era più invadente con i suoi pezzi a scapito di quelli degli altri.


Un'invadenza giustificata dal valore delle composizioni e dal fatto che non faceva altro che supplire al vuoto lasciato da John.
Ci sarebbe da affrontare anche quell'altro discorsetto per cui parecchi pezzi di John, ed alcuni di George, sono quello che sono anche per i contributi e l'arrangiamento di McCartney e/o di Martin/McCartney, Come Together in primis.

Ma non vorrei passare per un denigratore di Lennon , cosa che non mi ritengo affatto di essere.

Sui primi album solisti, sono "figli" della situazione nell'ultimo periodo assieme: John e George hanno creato quei capolavori perchè potevano contare su un catalogo di canzoni scartate, o non sufficientemente provate , coi Beatles.
Paul se n'è uscito con quello scherzo di "McCartney" perchè le cartucce più prestigiose le aveva sparate in precedenza.


Scherzo, solo in parte, quello di "McCartney", permettimi di dire Cristiano...è vero che il nostro amico lo ha infarcito - a bella posta - di rumori e provini, però un album con MAYBE I'M AMAZED, EVERY NIGHT, JUNK e TEDDY BOY...non è affatto uno scherzo, a mio avviso :) Quel che manca sono le energie e la sostanza degli altri tre attorno, ma pochi - all'epoca come oggi - si potevano permettere di uscirsene con un disco suonato da soli. Poi, concordo sulle cartucce sparate in precedenza, e questo vale per lui e per Lennon (per entrambi con qualche eccezione, ovviamente). Il culmine compositivo lo avevano raggiunto nei Beatles: dopo, e questo discorso vale ancor più per McCartney, il quale dopo RAM abbassa via via il suo standard di songwriting. Ma tutto ciò è perfettamente naturale.
backseat
Fab4Master
Fab4Master
 
Messaggi: 757
Iscritto il: domenica 04/12/2011 23:41:53

Re: The long and winding road

Messaggioda Cristiano » giovedì 19/06/2014 23:32:58

Concordo, Luca, praticamente su tutta la linea.

L'altra sera ho riascoltato A Hard Day's Night, il disco: favoloso, forse il loro primo album-capolavoro.
Ebbene: si sente lontano un km che John lì è il leader del gruppo: voce, canzoni, più tutto il resto (basta guardare il film).
Ora del 1969, il suo posto è finito dritto nelle mani di Paul, non c'è storia.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: The long and winding road

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 20/06/2014 20:36:37

Questo discorso è un vicolo cieco. Dire che era Paul che imponeva le sue canzoni agli altri che si disinteressavano del gruppo è esattamente lo stesso se diciamo che Paul portava le canzoni migliori e gli altri le conservavano per se stessi. La verità la sanno loro.
Non credo che George non abbia voluto dare i suoi pezzi ai Beatles. E' che nessuno, Paul per primo, si concentrava più di tanto quando lui proponeva All things must pass. La storia è vecchia.

Quanto ai meriti, il mix di personalità è sempre stato ciò che ha posto i Beatles una spanna su tutti gli altri. Paul era musicalmente il più dotato, ok, ma dire che i pezzi di George e di John sono belli grazie a lui mi sembra eccessivo. A parte il fatto che se c'è uno che ha il merito su TUTTE le canzoni dei Beatles è George Martin: cosa sarebbero Yesterday, Eleanor Rigby e Penny Lane senza di lui?
E sarebbe esatto dire che senza la svisata di John Get Back farebbe schifo?
E dirò di più, tanto per restare in tema: The long and winding road, senza Phil Spector, per me non sarebbe mai stata così bella! :mrgreen:
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9868
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: The long and winding road

Messaggioda Cristiano » venerdì 20/06/2014 21:40:34

Dire che è tutto merito di McCartney, anche l'inchiostro delle copertine dei dischi, è puerile.

Nessuno sta sostenendo questo. Diciamo che, man mano che passano gli anni e i fans crescono, ci si permette un po' il lusso di uscire dal sacro totem dell'uguaglianza assoluta e dogmatica dei quattro Beatles di fronte al giudizio della storia.

Io, personalmente, mi sono accorto che :

-John ha guidato il gruppo fino a un certo punto, poi ha abdicato per varie ragioni (con un ritorno di fiamma nel periodo del doppio bianco, non scordiamolo)
-Paul ha preso il suo posto come leader, in circostanze che non potevano essere più favorevoli per lui, e ha condotto il gruppo nella fase finale, senza rivali.

-John componeva i pezzi, li portava in studio, li suonava col gruppo e velocissimamente voleva terminarli. Non sopportava di applicarsi per gli arrangiamenti: li lasciava ad altri (Martin, McCartney). Partecipava all'incisione delle canzoni di Paul (meno quelle che non sopportava), quasi mai a quella dei pezzi di George (non gli interessavano).

-Paul componeva, arrivava in studio con in testa la canzone finita (più o meno), e poi sceglieva tra A (utilizzare uno, due o tre colleghi) e B (fare tutto da solo, o quasi). Seguiva le proprie canzoni dalla nascita alla realizzazione pratica. Controllava ogni dettaglio, e in più spesso e volentieri era responsabile dell'arrangiamento di molti pezzi degli altri autori. L'intro di Lucy in the Sky e di Strawberry Fields, due pezzi enormi, per dire. E la stessa Come Together, che era un mezzo plagio e che, con basso e tastiere maccartiane e il riff di Ringo, diventa quel che è: una bomba!
Paul era SEMPRE in studio, lo certifica anche Lewisohn: instancabile, efficiente, rompiballe, mezzo matto, chiamiamolo come volete ma la sostanza non cambia.

Chi collaborava, alla fin fine, con George ? Chi lo ha convinto a cantare The Inner Light, facendogli forza quando Harrison non era convinto di poterla eseguire bene? Chi armonizzava con lui in pezzi come Gently Weeps (e vai di intro di pianoforte, ancora una volta..), Here Comes the Sun, la stessa Something in cui Lennon praticamente non suona?

Sempre lui.

(per inciso, Something è il capolavoro di George.Paul si è rovinato le dita suonando tutte quelle note al basso, ma il pezzo starebbe in piedi ed elegante come sempre anche senza il contributo di Macca).


-George componeva e portava al gruppo solo ciò che riteneva fosse all'altezza dello standard degli altri due. Fino a un certo punto si è adattato, poi ha scoperto che c'era un altro mondo oltre i Beatles e ha iniziato a farsi rispettare di più. Alla fine era sufficientemente incazzato sia con Lennon che con McCartney, col primo perchè percepiva di non essere considerato come compositore e musicista, col secondo perchè nel frattempo quest'ultimo era diventato uno schiacciasassi. E poi ha spiccato il volo.


Opinioni mie, s'intende...ma credo di aver centrato abbastanza il punto fondamentale: qui non si tratta di osannare uno e di sminuire l'altro, ma di accettare che i Beatles erano un gruppo composto da formidabili talenti, NON uguali tra di loro. Amalgamati al punto giusto sì (ed ecco una della ragioni del loro straordinario successo e del fatto che siamo ancora qui a parlarne e ad ascoltarli), ma non uguali. Volerli disegnare come quattro teste dello stesso mostro è una caricatura, punto, buona per chi vede A Hard Day's Night (il film) e lì si ferma. Con rispetto parlando, eh.

McCartney era la vera eminenza grigia, il tuttofare e il battitore libero del gruppo, questo penso da diversi anni ormai.

E ora, il primo che scrive "Cristiano profana la memoria di Lennon" lo vengo a cercare di persona. HHHAHAHAHAHAAH!!!
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: The long and winding road

Messaggioda MrTwoOfUs » sabato 21/06/2014 07:38:28

Cristiano profana la memoria di Lennon. Ti aspetto alle due.
Lennon, Intervista concessa a David Sheff:
"Al tempo credevo che Paul tentasse di afre a pezzi le mie canzoni. Con i miei brani notevoli abbiamo sempre fatto un po' di sperimentazione sonora, come con Strawberry Fields, che mi è sempre sembrata mal registrata. Funzionava, ma non era come avrebbe potuto essere. Ho lasciato io che uscisse così. Passavamo ore a curare nei minimi dettagli di rifinitura le canzoni di Paul, ma quando toccava ai miei, soprattutto alle canzoni eccezionali come Strawberry o Across the Universe, non so come ma saltava fuori questa atmosfera di approssimazione e di sperimentazione".
"sabotaggio?"
"Sabotaggio inconscio. Ci sono rimasto troppo male... Paul lo negherebbe perchè lui fa sempre buon viso e negherebbe anche l'evidenza".
George:
"Passavamo ore a provare le sue (di Paul, ndr) canzoni, poi quando si trattava delle mie ognuno trovava delle scuse. Per poter registrare una delle mie canzoni, dovevo prima sorbirmi dieci maxwell's silver hammer e quindici Obladi Oblada"
Non sarà mica anche per questo che gli altri avevano perduto interesse nei Beatles?
Io credo di più alle parole dei protagonisti che ai racconti o alle analisi di fans e critici. Spesso la storia dei Beatles viene esaminata come se fosse una sit-com o un cartone animato. Quella era vita di tutti i giorni di persone particolari e baciate da talento e fortuna, ma pur sempre persone che agivano, pensavano, litigavano, si svegliavano storte o erano di buon umore, mangiavano e andavano in bagno esattamente come tutti. E come tutti avevano un ego: chi ne aveva di più e si applicava per apparire e chi aveva altri pensieri per la testa. Paul col suo modo di fare e di mettersi sempre al centro dell'attenzione era diventato antipatico ai colleghi, questo è certo.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9868
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: The long and winding road

Messaggioda Cristiano » sabato 21/06/2014 13:02:57

MrTwoOfUs ha scritto: Paul col suo modo di fare e di mettersi sempre al centro dell'attenzione era diventato antipatico ai colleghi, questo è certo.



Poco ma sicuro :D

Ecco, il punto è proprio questo: io mi fido delle parole dei protagonisti "affidabili", non certo delle dichiarazioni di John Lennon il quale notoriamente diceva oggi una cosa per poi smentirla domani.

Quindi: nessuna soap opera,nessun tentativo di romanzare la realtà : basta basarsi sul lucido resoconto di gente come Lewisohn e Sulpy, per citarne due di iper affidabili.
Come quando , poco prima di morire , disse che "George i suoi pezzi negli ultimi album dei Beatles se li è registrati per conto suo, con altra gente": una delle più grosse panzane sull'argomento mai sentite ;-)

..in realtà, dear Johnny, eri TU quello che boicottava i pezzi di Harrison, evitando di prendere parte alle relative sessions.
Non raccontiamoci storielle. È un peccato che Lewisohn sia arrivato a raccontare le sessions anni dopo la morte di Lennon !

Riguardo ai pezzi lennoniani: certo che c'era questa atmosfera creativa. Primo, perché quello era un periodo DAVVERO creativo, e secondo perché se l'autore di Good Morning Good Morning si limita a dire al produttore una cosa come "Voglio che si senta l'odore della segatura su questo pezzo" , senza aggiungere idee su come fare e procedere, è chiaro che lascia il campo libero ad altri, alle loro idee, ai loro contributi.

Passando a Strawberry Fields: che significa "L'ho lasciata uscire così .." ??
Ancora una volta, hai lasciato fare perché o non ti interessava più di tanto, o perché non ne eri in grado e saggiamente hai permesso a Paul di suonare l'intro al mellotron, a Martin di unire le due parti della canzone, eccetera...

Altro che sabotaggio. Io la chiamerei pigrizia...

In breve: John era una persona di grande talento, ma aveva sempre bisogno di qualcuno che sgrezzasse il tutto.
Paul no, lui gestiva tutte le fasi della creazione e realizzazione perché era più dotato in quel senso. Al limite, c'era bisogno di qualcuno che gli dicesse "Te prego, questo no.." , ma anche lì era dura convincerlo a desistere, vedi le mille prove di Obladi e Maxwell's Silver Hammer.

Chiaro e comprensibile che gli altri si siano rotti l'anima ma ragazzi il genio è così, prendere o lasciare.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

PrecedenteProssimo

Torna a The Word

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 1 ospite