Cipolla di vetro

Parliamo insieme delle caratteristiche e delle peculiarità dei testi delle canzoni dei Beatles!

Moderatori: MrTwoOfUs, agrasso, Cristiano, John Paul

Cipolla di vetro

Messaggioda manomano » venerdì 09/01/2004 12:44:15

Mitica canzone!! Dai retroscena inaspettati...
Chi l'avrebbe mai detto che il tricheco è Paul?
Comunque è tra le mie preferite... Perché è un po' la summa dei precedenti album... La spiaggia si ghisa, poi...
manomano
Fab4Member
Fab4Member
 
Messaggi: 118
Iscritto il: lunedì 24/11/2003 18:29:15

Messaggioda nipponik » venerdì 09/01/2004 16:32:45

perché scusa, "I'm the warlus", non la canta paul?
I'll be back again...
Avatar utente
nipponik
Fab4Senior
Fab4Senior
 
Messaggi: 334
Iscritto il: mercoledì 07/01/2004 22:30:42
Località: Mantova

Messaggioda nipponik » venerdì 09/01/2004 16:37:23

no. la canta john scusa te l'errore, del resto non avevo mai ascoltato bene la voce sintetizzata e davo per scontato che fosse paul proprio perché diceva, in glass onion, 'the warlus was paul'. ho comprato prima white album e poi magical mistery tour.
I'll be back again...
Avatar utente
nipponik
Fab4Senior
Fab4Senior
 
Messaggi: 334
Iscritto il: mercoledì 07/01/2004 22:30:42
Località: Mantova

Messaggioda nipponik » venerdì 09/01/2004 16:39:38

anzi.... aggiungo:

GLASS ONION
(Lennon/McCartney)

JOHN 1980: "That's me, just doing a throwaway song, a la 'Walrus' a la everything I've ever written. I threw in the line 'The walrus was Paul' just to confuse everybody a bit more. It could've been the fox terrier is Paul, you know. I mean, it's just a bit of poetry. It was just thrown in like that... The line was put in because I was feeling guilty because I was with Yoko and I was leaving Paul. I was trying... I don't know. It's a perverse way of saying to Paul, you know, 'Here, have this crumb, this illusion, this stroke, because I'm leaving."
I'll be back again...
Avatar utente
nipponik
Fab4Senior
Fab4Senior
 
Messaggi: 334
Iscritto il: mercoledì 07/01/2004 22:30:42
Località: Mantova

Messaggioda RinghioStarr » venerdì 23/01/2004 17:46:14

nipponik ha scritto:anzi.... aggiungo:

GLASS ONION
(Lennon/McCartney)

JOHN 1980: "... I was feeling guilty because I was with Yoko and I was leaving Paul. I was trying... I don't know. It's a perverse way of saying to Paul, you know, 'Here, have this crumb, this illusion, this stroke, because I'm leaving."


Scoop: Quindi John non ha lasciato Cynthia per Yoko ma bensì Paul per Yoko! :lol:

Byes
Ringhio
RinghioStarr
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 1805
Iscritto il: mercoledì 09/04/2003 19:53:30

Messaggioda Lucifer Sam#1 » mercoledì 11/02/2004 14:51:19

A me "Glass Onion" non è mai piaciuta molto... è lontana anni luce dalla follia visionaria di "I Am The Walrus"... secondo me è una canzone FORZATAMENTE a la "Walrus"... pare che John cercasse di usare "the cast iron shore" ("la spiaggia di ghisa") da mooolto tempo...

Ciaooo
Lucifer Sam#1
"Tieni la testa a posto e portati sempre dietro una lampadina!"
Avatar utente
Lucifer Sam#1
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 1633
Iscritto il: mercoledì 31/12/2003 15:51:25
Località: Parma

Messaggioda RinghioStarr » mercoledì 11/02/2004 15:13:29

Era un pezzo che prendeva in giro tutti coloro che si perdevano in assurde interpretazioni delle liriche dei Beatles attribuendo loro chissà quali significati nascosti ecc. Questo è il motivo per cui dissemina il testo di riferimenti ai vecchi pezzi affastellando frasi criptiche su frasi criptiche - come a dire: e adesso quale idiozia riuscirete a vedere in questa frase senza senso?
In un certo senso, secondo me, è un po' l'inizio dello smantellamento del Mito Beatles da parte di Lennon, un ritorno alla realtà e alla semplicità dopo bagordi psichedelici vari, e dopo il contributo più grande all'edificazione del Mito, ovvero Sgt. Pepper: va letta in senso sarcastico (come testimonia il frammento di intervista riguardante la frase su Paul) - e non come una fantasmagoria lisergica (non per nulla la musica è un rock tirato e tagliente).

Byes
R.
RinghioStarr
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 1805
Iscritto il: mercoledì 09/04/2003 19:53:30

Messaggioda paperog@ » mercoledì 11/02/2004 18:21:50

Lucifer Sam#1 ha scritto:A me "Glass Onion" non è mai piaciuta molto... è lontana anni luce dalla follia visionaria di "I Am The Walrus"... secondo me è una canzone FORZATAMENTE a la "Walrus"... pare che John cercasse di usare "the cast iron shore" ("la spiaggia di ghisa") da mooolto tempo...


A me invece piace, certo non è paragonabile ai capolavori come Walrus, però ha un certo fascino (probabilmente dobbiamo ringraziare Paul per la linea di basso, unico elemento solido su cui si basa tutta la struttura musicale) ed il finale ad archi pizzicati con le viole che glissano è magicamente efficace: ogni volta che l'ascolto rievoca in me le visioni allungate e deformi che si percepiscono attraverso una palla di vetro... :wink:

-
paperog@
Giunto al termine del giorno, cerco fra le coltri un poco di speranza; peto in abbondanza, non ho più sgomento, lieto mi addormento, ebbro dei miei gas.
Avatar utente
paperog@
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 727
Iscritto il: venerdì 07/02/2003 16:32:40
Località: Strawberry Fields

Messaggioda MaxFrames » giovedì 12/02/2004 08:40:24

paperog@ ha scritto:ed il finale ad archi pizzicati con le viole che glissano è magicamente efficace: ogni volta che l'ascolto rievoca in me le visioni allungate e deformi che si percepiscono attraverso una palla di vetro... :wink:

Hanno fatto bene ad eliminare il suono del vetro infranto da una pallonata!
It's just a rock group that split up, it's nothing important – you can have all the records if you want to reminisce.
Avatar utente
MaxFrames
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 3753
Iscritto il: martedì 18/11/2003 12:32:09
Beatle preferito: Tutti e 4!

Messaggioda Lucifer Sam#1 » giovedì 12/02/2004 17:49:27

ed il finale ad archi pizzicati con le viole che glissano


E' proprio il finale che mi da l'idea di forzatezza... comunque devo ammettere che in quei pochi secondi tendi a riflettere sul fatto che John ti stia pigliando per il c**o!!!! :D :D :D Che genio... 8)

Lennon For Everyone!!!

Lucifer Sam#1
"Tieni la testa a posto e portati sempre dietro una lampadina!"
Avatar utente
Lucifer Sam#1
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 1633
Iscritto il: mercoledì 31/12/2003 15:51:25
Località: Parma

Messaggioda nipponik » giovedì 26/02/2004 22:24:56

RinghioStarr ha scritto:Era un pezzo che prendeva in giro tutti coloro che si perdevano in assurde interpretazioni delle liriche dei Beatles attribuendo loro chissà quali significati nascosti ecc. Questo è il motivo per cui dissemina il testo di riferimenti ai vecchi pezzi affastellando frasi criptiche su frasi criptiche - come a dire: e adesso quale idiozia riuscirete a vedere in questa frase senza senso?
In un certo senso, secondo me, è un po' l'inizio dello smantellamento del Mito Beatles da parte di Lennon, un ritorno alla realtà e alla semplicità dopo bagordi psichedelici vari, e dopo il contributo più grande all'edificazione del Mito, ovvero Sgt. Pepper: va letta in senso sarcastico (come testimonia il frammento di intervista riguardante la frase su Paul) - e non come una fantasmagoria lisergica (non per nulla la musica è un rock tirato e tagliente).

Byes
R.


io invece di questo non ne sono così convinto.... John è uno snob, e tutt'altro che superficiale, sono convinto che gli piaccia fingere di credere nelle coincidenze, e fare lo strafottente con l'intervistatore. Io personalmente non credo nelle casualità, e John secondo me è un raffinato, almeno nel comporre pezzi, cioò non toglie che nei confronti della tecnologia sia un buzzurro. Nulla è casuale nei testi dei Beatles, a mio parere.
I'll be back again...
Avatar utente
nipponik
Fab4Senior
Fab4Senior
 
Messaggi: 334
Iscritto il: mercoledì 07/01/2004 22:30:42
Località: Mantova

Messaggioda RinghioStarr » venerdì 27/02/2004 14:54:03

Ci sono registrazioni ad Abbey Road in cui Harrison chiede consiglio a Lennon su come completare le liriche di Something e John gli consiglia di non pensarci razionalmente e di far uscire la prima cosa che gli viene in mente (ciò significa: "è un metodo che uso spesso") - venendosene fuori con una frase come "mi attrai come un cavolfiore" - ci sono altre dichiarazioni anche come "non mi piace che i miei pezzi vengano analizzati come la Gioconda" o anche un esempio come il modo in cui ha scritto How Do You Sleep ovvero, secondo la sua descrizione, (riassumo) "Paul metteva un sacco di frecciatine oscure e oblique nella sua musica, ma io, essendo schietto e diretto, ho detto tutto chiaramente, perchè io sono così" - dichiarazione su come ha scritto I Am The Walrus (sintesi a memoria): "Bob Dylan usa mettere un sacco di immagini poetiche e surreali insieme senza che vogliano dire un granchè, quindi ho pensato di utilizzare lo stesso procedimento". Questa se vogliamo potrebbe essere una dichiarazione strafottente, ma quella sulla Gioconda non sembra appartenere alla categoria. Anche nel brano di intervista riportato qualche post più sopra dichiara che Glass Onion era una "throwaway song", quindi non una canzone particolarmente significativa, a livello di contenuto. Il modo in cui il testo è strutturato del resto sembra confermare la citazione sarcastica di pezzi dei beatles (fool on the hill, I am the walrus, lady madonna, fixing a hole, strawberry field) a mo' di presa in giro. In questo caso è il pezzo in sè a sembrare strafottente, direi. Pretendere che in ogni canzone ci sia chissà quale significato mi pare alquanto idealizzante rispetto a John e ai Beatles in generale.
RinghioStarr
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 1805
Iscritto il: mercoledì 09/04/2003 19:53:30

Messaggioda nipponik » venerdì 27/02/2004 19:15:21

RinghioStarr ha scritto:Ci sono registrazioni ad Abbey Road in cui Harrison chiede consiglio a Lennon su come completare le liriche di Something e John gli consiglia di non pensarci razionalmente e di far uscire la prima cosa che gli viene in mente (ciò significa: "è un metodo che uso spesso") - venendosene fuori con una frase come "mi attrai come un cavolfiore" - ci sono altre dichiarazioni anche come "non mi piace che i miei pezzi vengano analizzati come la Gioconda" o anche un esempio come il modo in cui ha scritto How Do You Sleep ovvero, secondo la sua descrizione, (riassumo) "Paul metteva un sacco di frecciatine oscure e oblique nella sua musica, ma io, essendo schietto e diretto, ho detto tutto chiaramente, perchè io sono così" - dichiarazione su come ha scritto I Am The Walrus (sintesi a memoria): "Bob Dylan usa mettere un sacco di immagini poetiche e surreali insieme senza che vogliano dire un granchè, quindi ho pensato di utilizzare lo stesso procedimento". Questa se vogliamo potrebbe essere una dichiarazione strafottente, ma quella sulla Gioconda non sembra appartenere alla categoria. Anche nel brano di intervista riportato qualche post più sopra dichiara che Glass Onion era una "throwaway song", quindi non una canzone particolarmente significativa, a livello di contenuto. Il modo in cui il testo è strutturato del resto sembra confermare la citazione sarcastica di pezzi dei beatles (fool on the hill, I am the walrus, lady madonna, fixing a hole, strawberry field) a mo' di presa in giro. In questo caso è il pezzo in sè a sembrare strafottente, direi. Pretendere che in ogni canzone ci sia chissà quale significato mi pare alquanto idealizzante rispetto a John e ai Beatles in generale.


rimango sempre sulle mie... comunque, forse mi sono spiegato male, ma la mia precedente dichiarazione non era riferita in modo particolare a "glass onion", non sempre infatti ci deve per forza essere "qualcosa dietro", il che non esclude che possa esserci, insomma, come si suol matematicamente dire, Esiste almeno una canzone di John studiata, e perché no, contenente un messaggio subliminale ben camuffato. Tanto per spararne una, "Revolution", secondo me, non è casuale e buttata lì.
I'll be back again...
Avatar utente
nipponik
Fab4Senior
Fab4Senior
 
Messaggi: 334
Iscritto il: mercoledì 07/01/2004 22:30:42
Località: Mantova

Messaggioda RinghioStarr » sabato 28/02/2004 14:08:05

Sì, ovviamente il metodo associativo non è l'unico usato da John - ha utilizzato anche modalità compositive più savie... Producendo canzoni intelleggibili e sensate, come Imagine, come Revolution (che essendo canzoni politiche dovevano anche essere chiare). Nè cmq il fatto fantastico o associativo depriva di valore le liriche: Lucy In The Sky With Diamonds è uno dei testi che preferisco in assoluto anche al di fuori dell'ambito Beatles - e il fatto che John tendesse cmq da un certo momento in poi ('68, direi) a essere sempre più diretto ed esplicito, non toglie ovviamente che ci possano essere pezzi "a doppio fondo" - con qualche significato nascosto, o sfumatura oscura. Per esempio anche nella stessa Glass Onion - chi avrebbe potuto dare quella peculiare interpretazione riguardo il riferimento a Paul (riportata da John nel brano dell'intervista incollato da qualche parte di questo topic) ?
Sempre per quanto riguarda Glass Onion rimango dell'opinione sia un pezzo sarcastico più che psichedelico - il testo ad ogni modo mi piace, Lennon può dichiarare che è buttato lì (ci sono periodi in cui affermava che anche Sgt. Pepper faceva pena, se non erro) - però rimane musicalmente un buon pezzo guarnito con liriche suggestive (comunque le si interpretino).
RinghioStarr
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 1805
Iscritto il: mercoledì 09/04/2003 19:53:30

Messaggioda rockin_raccoon » domenica 07/03/2004 02:09:21

beh come together era inizialmente intesa come una canzone politica, ma io proprio chiara chiara non la definirei!!!
quanto a glass onion io la adoro, sarà perchè è piena di citazioni e io sono una persona che anche nella vita reale cita a macchinetta, e quindi mi ci ritrovo, che ci volete fare!!! che poi il tricheco, in magical mistery tour, non era paul affatto, mi ricordo john in un'intervista che lo diceva, anche se non mi ricordo poi chi lo era sul serio!!!
real love :-*
jude, fixing a hole in the ocean
"sei sposato alla vita a vita, quindi tanto vale fare le cose per bene e prenderla nella buona e nella cattiva sorte" - moi
Avatar utente
rockin_raccoon
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 3393
Iscritto il: domenica 07/03/2004 00:31:18
Località: a una sassata da penny lane (mangiatevi le mani, 'nvidiosi)

Prossimo

Torna a The Word

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron