Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Il forum dedicato alla vita ed alla musica di John Lennon.

Moderatori: MrTwoOfUs, agrasso, Cristiano, John Paul

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda Mackenzie » venerdì 04/03/2016 08:52:28

lucyinthesky63 ha scritto:Ah, poi Paul sono andata a vederlo a Bologna, con altri amici (fra cui Alifib e Mackenzie) e ci siamo divertiti una cifra!


Indimenticabile :) .

Ricordo con molto piacere anche quello all'arena di Verona con Cristiano, Franco e altri amici.
Avatar utente
Mackenzie
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 6082
Iscritto il: giovedì 25/12/2008 16:57:33
Località: Alone on the hill
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda Cristiano » venerdì 04/03/2016 09:57:42

Mackenzie ha scritto:Con il libro di Godman ci faccio ben poco. Molto più credibile "John" di Cynthia, dal quale Lennon ne esce malissimo come marito, come padre e più complessivamente come uomo.


Confermo l'impressione. Si tratta oltretutto di un volume scritto da qualcuno che con John ha vissuto diversi anni e di cui è stata la consorte, quindi da fonte certa, e inoltre è uscito moltissimi anni dopo il divorzio, cosa che lo mette al riparo da eventuali accuse di aver manipolato i fatti e di riportare certe cose per il solo gusto di creare polemica o per astio personale.

Alla fine riporta i fatti come si sono svolti, e a sostegno di questa tesi giova ricordare che nessuno ha potuto o voluto smentire neanche una virgola di quanto riportato da Cyn, tantomeno Sean e Yoko. Un motivo c'è di sicuro: non c'è proprio nulla da smentire.

Lo ritengo un libro che tutti i fan di John Lennon, specialmente quelli accaniti e monotematici, dovrebbero avere sullo scaffale.

A me personalmente ha fatto molto riflettere sulle grandi discrepanze che ci possono essere tra l'immagine pubblica ed il messaggio che un artista lancia al resto del mondo, e quello che lo stesso uomo in privato alla fin fine combina. La storia va conosciuta a 360 gradi.

Poi, godiamoci tranquillamente le canzoni che ha scritto e ci ha lasciato.
BACK TO MONO !!
Avatar utente
Cristiano
Fab4Admin
Fab4Admin
 
Messaggi: 11481
Iscritto il: mercoledì 17/03/2004 00:08:46
Località: 3 Savile Row, London
Beatle preferito: George

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda lucyinthesky63 » venerdì 04/03/2016 10:36:41

Personaggio molto controverso, in effetti. Come molti geni, del resto ...
I'm a Blackstar
Gloria
Avatar utente
lucyinthesky63
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 6373
Iscritto il: domenica 30/09/2007 17:46:05
Località: here there and everywhere, in realtà La Spezia
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda Mackenzie » venerdì 04/03/2016 11:32:42

Cristiano ha scritto: A me personalmente ha fatto molto riflettere sulle grandi discrepanze che ci possono essere tra l'immagine pubblica ed il messaggio che un artista lancia al resto del mondo, e quello che lo stesso uomo in privato alla fin fine combina. La storia va conosciuta a 360 gradi.


Esatto, mentre scorrevo il libro facevo questa considerazione e immaginavo un Lennon dottor Jekyll e Mr. Hyde.

Se avessi saputo a quanto dolore andavo incontro sposando John, avrei rinunciato anche ad un figlio meraviglioso come Julian.
Questa chiosa di Cyn direi che dice tutto.
Avatar utente
Mackenzie
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 6082
Iscritto il: giovedì 25/12/2008 16:57:33
Località: Alone on the hill
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 17:24:34

Ma mi chiedo: se chi sostiene che lo squilibrio non esiste è circondato di troppi beatlesiani (che non sono mai troppi, direi) non potrebbe essere che chi lo sostiene è parimenti circondato da troppi fans di Paul McCartney? Magari mi circondassi troppi beatlesiani, magari.
Io lo squilibrio lo vedo, ma al contrario.
Generalmente, a me sembra che il fan di Lennon è il fan dei Beatles, e quello sano ama anche Paul. Il fan di McCartney invece esiste anche autonomamente, a prescindere dai Beatles, e ne ho le prove materiali e virtuali. Ed è anche logico, trattandosi nella fattispecie di un gruppo sciolto da 46 anni, di una persona che non c’è più da 36 anni e di un’altra che va ancora in giro a fare dischi e concerti.
Intendo: di cose da raccontare ce ne sono tante, ma ognuno ha le proprie esperienze che non necessariamente coincidono con quelle altrui e non necessariamente diventano la verità da ritenere generale e assoluta.
Io sto ancora a parlare con amici attempati, che conosco da quarant’anni e che sono convinti che il vero genio era McCartney fosse solo perché suona meglio, mentre Lennon è antipatico perché si mise con la giapponese che ha sfasciato il gruppo…
Nel contempo, ci sono altri amici meno attempati che pensano che la mente era Paul, infatti lui sta ancora a fare ancora concerti, invece Lennon quando mai… (precisazione: io stesso Paul l’ho visto dal vivo sette o otto volte, John mai).
Conosco poi persone giovani che acquistano i dischi di Paul, anche perché li fa ancora adesso, e manco hanno mai sentito quelli di John che oramai sono vecchi (magari hanno solo Collection).
Conosco persone che non hanno mai seguito i Beatles e comprano Laura Pausini, ma sanno perfettamente che Yesterday è dei Beatles ma l’ha scritta Paul McCartney, mentre Imagine è di John Lennon.
In sintesi, conosco persone che non sopportano McCartney e persone che non sopportano Lennon (in entrambi i casi ignorano sia Harrison che Starr – parlo di carriere soliste) e conosco gente che li adora entrambi .
Intendo dire, ognuno di noi fa della propria esperienza la verità, e ragiona di conseguenza e se può lo scrive in un forum.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 17:38:20

Questione Shout: Paul abile canzonettaro… mah... forse dovrò rileggerlo.

Questione libro di Cynthia: l’ho letto. Attendibile e bello,anche se va detto che anche lei era di parte, essendo una donna che è stata lasciata per un'altra. Ma nel libro non c’era niente di nuovo e niente da smentire, se non beghe familiari e problemi ereditari tra Julian e Sean.

Questione Goldman. Il libro è del 1988 (gli ci vollero sei anni di ricerche...), e mi rifiutai di leggerlo per qualche tempo, poi cedetti perchè invogliato da un mio grande amico, l'espertissimo beatlesiano di vecchia data - e lennoniano doc (è Luciano La Bollita di Genova) -, il quale mi disse: leggilo e prendilo con le pinze, ci sono diverse verità e diverse bugie, ma il tutto è raccontato come chiacchiere di corridoio o scoop da gossip. Goldman aveva riservato lo stesso trattamento a Presley, del resto. Lo lessi.
Poi ho ringraziato Yoko per aver pubblicato qualche anno dopo lo splendido film Imagine per riabilitare l'immagine di John. A proposito, va spezzata una lancia per la Ono è stata correttissima nelle pubblicazioni postume, dai dischi alle mostre, senza mai speculare e preservando il tutto, a differenza di quanto fu fatto con altre stelle defunte.

Ho letto anche il libro della sorella di John, Julia Baird, e tutti gli altri pubblicati in Italia e molti in Uk e USA, da May Pang in poi.
Ho letto anche la biografia non autorizzata di Chet Flippo su Paul, in cui non è che se ne parli proprio benissimo, e ho letto anche quelle dichiarazioni di Denny Laine scritte col dente avvelenato, e pure Blackbird di Giuliano. In seguito con l’avvento di internet, Paul ha addirittura pubblicato un libro intitolato Blackbird singing per oscurarne il titolo... e fece bene: di Giuliano lessi anche Dark Horse The private life of George Harrison, stesso tenore). E ne ho lette diverse altre di biografie. Ma queste biografie non autorizzate sono tutte cadute nel dimenticatoio tranne quella dell’ormai celebre Goldman. Negli anni novanta la moda era: denigrare Lennon, lo si faceva nelle riviste musicali e in quelle di gossip, negli special alla TV, sui giornali e alla radio, con programmi specifici e costruiti sullo scoop, dove mentre per i più Paul era solo morto, ci si chiedeva: ma John era un pazzo? O era un assassino che aveva ucciso a calci il suo miglior amico? O un cialtrone? O uno che rubava soldi ai marinai tedeschi? Certamente era uno sfasciafamiglie che abbandonò la moglie per una squaldrina orientale. Ma forse era solo un buffone che non sapeva neanche suonare la chitarra. Eh, ma lo sapete che probabilmente era gay? Ed era anche ateo! Forse addirittura anarchico. E antiamericano perchè detestava Nixon. Ma certamente era un disadattato con l'infanzia difficile...
Io le ho vissute queste cose, e non posso fare a meno di fare la mia semplice osservazione di apertura topic: dov’è questa presunta beatificazione?
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda Dr.Ebasta » venerdì 04/03/2016 18:07:31

Ma presunta da chi, esattamente?
Si parla tanto di questa beatificazione di Lennon nei confronti di McCartney

Se ne parla? Tanto? Potresti indicare dove, chi lo fa, qualche link?
Lord Kiss Me Once More, Fill Me With Songs

I wanna get down on my knees and start pleasing Jesus! I wanna feel his salvation all over my face!
Avatar utente
Dr.Ebasta
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 5334
Iscritto il: giovedì 25/11/2004 20:42:27
Località: Ascension Island

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 18:59:56

Credo di averlo letto in questo forum e su facebook. Devo cercare i link.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 19:11:02

Aggiungo: ma non è qui che ho letto di saint John, di una popolarità frutto del decesso, di una produzione anni 70 (quella di Paul) che surclassa ampiamente un'altra (quella di John), etcetera etcetera? Forse mi sbaglio.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda Dr.Ebasta » venerdì 04/03/2016 19:22:08

Aggiungo: ma non è qui che ho letto di saint John, di una popolarità frutto del decesso, di una produzione anni 70 (quella di Paul) che surclassa ampiamente un'altra (quella di John), etcetera etcetera? Forse mi sbaglio.

A me dà un po' fastidio leggere post come questo, perché vogliono dire che o non leggi quello che la gente scrive, o ti piace montare polemiche sul nulla, spostare il fulcro del discorso con argomentazioni-fantoccio.
Se poi hai solamente capito male, allora chiedo scusa, e provo a (ri)spiegare il punto per l'ennesima volta.

Dunque.
Albert Goldman ha fatto uscire un libro in cui critica duramente la vita privata di John Lennon, e che ha acceso il dibattito sulla stessa, e sui molti punti oscuri della sua personalità.
Questo può screditare l'idea che Lennon sia oggetto di una beatificazione? Indubbiamente sì, se questa riguardasse la sua vita privata.
Ossia, se ci fossero persone che dicono "che grande uomo era John, che marito fedele, che padre affettuoso, che pacifista, che persona di coerenza, che santo".
Ora, qualcuno così ci sarà pure, ma io non l'ho mai conosciuto, e di certo non scrive su questo forum.
Anzi, in questo stesso topic è stata una gara a dire "John sarà stato quello che è stato, ma una cosa è il giudizio sulla persona e altro è quello sulla musica".
Il che è completamente condivisibile. A me di quello che John faceva a casa non me ne frega nulla. Di certo non lo uso come metro di giudizio.

E invece.
Invece quella che tu chiami "beatificazione" non ha niente a che fare con la vita privata di John, ma con la sua produzione artistica, sia con i Beatles che dopo lo scioglimento.
Ecco, quello sì che è qualcosa che qui sul forum si è letto. Ma ha zero senso citare Goldman, perché Goldman non parla di essa. Goldman non scrive che Paul era più bravo, o roba del genere.
La "beatificazione" di Lennon è quindi artistica: nell'ìmmaginario pubblico John sarà pure uno stronzo (questo non lo so), ma di certo è quello stronzo che ha fatto la fortuna dei Beatles, il genio.
Quando Paul parla degli effetti del "martirio" (cit.) di Lennon, si riferisce proprio a questo, alla credenza che ci sia la sua mano dietro tutto quello di buono che i Beatles hanno fatto.
Tendenza, io sono d'accordo con lui, diffusasi solamente dopo la morte precoce.
Se c'è stato un sentimento di ammirazione per la sua vita privata che a suo tempo ha contribuito ad andare verso questo esito non lo so. Di certo non esiste adesso.

E quindi?
Quindi se vogliamo negare che questo pregiudizio esista (e ci vuole coraggio) andiamo in strada e chiediamo alla gente se conosce i nomi dei Beatles, e se McCartney ricorre quanto Lennon. Chiediamogli se qualcuno di loro era notevolmente più bravo degli altri.
Quello è il punto. Che c'entra Goldman.
È come se io chiedessi se Balotelli sia un calciatore sopravvalutato, e mi si rispondesse di no, perché riceve molti insulti razzisti.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro.
Lord Kiss Me Once More, Fill Me With Songs

I wanna get down on my knees and start pleasing Jesus! I wanna feel his salvation all over my face!
Avatar utente
Dr.Ebasta
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 5334
Iscritto il: giovedì 25/11/2004 20:42:27
Località: Ascension Island

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 19:47:51

Guarda, prima di continuare a leggere il post, volevo precisare che:
1. non mi riferivo a te: mi hai chiesto dove avessi letto della beatificazione e mi è venuto in mente St John. Non ricordo se l'hai scritto tu
2. in genere leggo i post e credo di capirli
3. non devi sentirti in dovere di ri-spiegare niente, per quanto detto sopra
4. non monto polemiche
5. non argomento i fantocci

Vado a leggere.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 19:54:17

Aggiungo che a me dà fastidio leggere di qualcuno a cui dà fastidio quello che scrivo solo perchè non dico quello che scrive lui. Si possono anche bypassare i post, i topic e altro. Le opinioni si possono e si devono esprimere. Altrimenti chiudiamo.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 19:55:06

Goidman scriveva anche che Imagine non era altro che un coro di quaccheri.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 19:56:07

Nel caso di un'artista, nell'opinione pubblica la vita privata influisce non poco sulla produzione. E comunque per beatificazione intendevo esattamente Lennon nella sua globalità. Si parlava di come fosse diventato iconico dopo la morte, e non per quello che ha prodotto. Le due cose vanno di pari passo.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

Re: Lennon: tra la beatificazione e Goldman

Messaggioda MrTwoOfUs » venerdì 04/03/2016 20:02:55

Concludo dicendo che se per qualcuno la carriera di Paul nei 70 surclassa quella di John (anche questo letto qui e da diverse fonti) ebbene non è così per me, se mi si consente di scriverlo. Al livello di POB, Imagine e Walls and Bridges si avvicina il solo Ram, in senso musicale, di contenuto, di esecuzioni strumentali, di esecuzioni vocali e di arrangiamento. Non aggiungo a livello di testi perchè quelli pare interessino poco, ed oltretutto è anche palesemente inutile.
E' il mio parere espresso secondo i miei gusti.
Ovviamente la produzione di Paul dopo il 1980 qui non fa testo per tanti motivi.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead...
Club "Amici di Mumbo" - Socio fondatore - Tessera n.1
Avatar utente
MrTwoOfUs
Fab4Fan
Fab4Fan
 
Messaggi: 9867
Iscritto il: lunedì 27/12/2010 11:39:53
Località: I'll be on my way
Beatle preferito: Tutti e 4!

PrecedenteProssimo

Torna a Yer John

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite